Porte civiche metropolitane

Le "porte civiche metropolitane" sono una sperimentazione dal basso di forme di mutualismo sociale integrate.

Si tratta di piattaforme integrate, localizzate in aree di disagio sociale, che prevedon:

- servizi socio-sanitari sul modello della “microarea” (sanità, alimentazione e formazione solidale negli ambulatori di strada);

- esperienze di co-lavoro (laboratori manufatturieri sul riuso);

- esperienze di accoglienza abitativa per piccoli nuclei di popolazione in difficoltà (famiglie e bambini);

- occasioni di incontro culturale.

Nascono nel 2014 nell'ambito di un progetto presentato al Comune di Roma Capitale dal Gruppo consiliare di SeL (poli civici di mutualismo social), su proposta di Anna Paola Di Risio e Lucia Ercoli. Anche se mai attuato a livello istituzionale, è stato tuttavia avviata l'implementazione dal basso su iniziativa di alcune associazioni che operano nelle periferie per la prevenzione e contrasto al disagio.

La prima sperimentazione è avvenuta nelle aree urbane di Tor Bella Monaca e Cinecittà, per iniziativa di Medicina Solidale Onlus, con il sostegno di re/ENCHANTING ROME nell'attivazione dei laboratori di lavoro. Sono già partiti i laboratori sartoriale per la realizzazione delle borsette piazza Vittorio e del packaging dei souvenir, presso Casa Sant'Anna Onlus a Torrenova .

onlussantanna
onlussantanna
press to zoom
IMG_8561-09-02-17-12-51
IMG_8561-09-02-17-12-51
press to zoom
IMG_7756-28-01-17-03-56
IMG_7756-28-01-17-03-56
press to zoom
FullSizeRender-30-01-17-04-03
FullSizeRender-30-01-17-04-03
press to zoom
FullSizeRender-28-01-17-03-33-1
FullSizeRender-28-01-17-03-33-1
press to zoom
FullSizeRender-09-02-17-12-51
FullSizeRender-09-02-17-12-51
press to zoom
FullSizeRender-09-02-17-12-51-1
FullSizeRender-09-02-17-12-51-1
press to zoom
onlussantanna
onlussantanna
press to zoom
FullSizeRender-08-02-17-01-11-1
FullSizeRender-08-02-17-01-11-1
press to zoom